• Via E. Amari, 11 - CCIAA - Palermo
  • info@confartigianatosicilia.it
  • +39 091 611 8915
  • +39 091 816 5703

Disgelo fra la Regione e i vertici di Expo Il cluster bio-mediterraneo, il padiglione gestito dall´assessorato all´Agricoltura, ieri ha ripreso l´attività dopo il flop del primo giorno
Venerdì, giornata piovosa, la mancanza del tetto aveva provocato un allagamento degli spazi e alcuni dirigenti erano stati costretti a prendere scopa e paletta per pulire lo stand Sicilia Inoltre il padiglione è sprovvisto di collegamento internet e, soprattutto, ha una scarsa visibilità non essendo stato allestito il rivestimento esterno con le immagini della Sicilia
È, dunque, poco riconoscibile per i visitatori
L´assessore Nino Caleca a caldo ha perfino minacciato di non versare a Expo la quota pattuita di tre milioni Ma ieri Dario Cartabellotta, lo stesso dirigente che aveva preso scopa e paletta, ha incontrato Stefano Gatti, uno dei manager di Expo, ottenendo garanzie «sul fatto che entro qualche giorno tutti gli allestimenti verranno sistemati A questo punto abbiamo fatto partire regolarmente l´attività espositiva» Ieri è stato il giorno di capperi e passito di Pantelleria
Nelle stesse ore l´assessore all´Agricoltura, Nino Caleca, ha incontrato il ministro per l´Agricoltura Maurizio Martina, ricevendo nuove garanzie sulla spinta che verrà data al padiglione mediterraneo gestito dalla Sicilia E alla fine l´assessore ha twittato il proprio ringraziamento al ministro: «Si sta personalmente occupando di risolvere i nostri problemi»
Tuttavia è il presidente Crocetta a rilanciare la polemica interna alla Regione: «Sono arrabbiato e rammaricato perché anche se l´Expo ha dato in ritardo i padiglioni, in ogni caso bisognava fare un´azione per non arrivare all´ultimo giorno per avere questi risultati Credo che nel giro di pochi giorni questa storia deve essere risolta con le determinazioni dure che richiede il caso Agirò di conseguenza vedendo se ci sono state disattenzioni burocratiche»


Torna Indietro