• Via E. Amari, 11 - CCIAA - Palermo
  • info@confartigianatosicilia.it
  • +39 091 611 8915
  • +39 091 816 5703

Ipotesi a certezza, da decreto a legge: le novità del Fisco per l´anno che sta per iniziare sono nero su bianco e, da questo momento, imprese e contribuenti possono davvero iniziare a farsi i conti in tasca in previsione degli adempimenti prossimi venturi

Tutto ciò che ci verrà chiesto di versare a Stato ed enti pubblici nel 2017, è infatti scritto nel dettaglio nella nuova legge 225/2016, già pubblicata in Gazzetta Ufficiale
Molte le conferme, altrettante le novità introdotte nell´iter compiuto dal documento tra commissioni e Aule Vi descriviamo le principali

EQUITALIA ADDIO
Confermata la soppressione di Equitalia dal primo luglio prossimo quando, ad ereditarne mansioni e obiettivi, sarà la neonata Agenzia delle Entrate-Riscossione che si muoverà nel rispetto dei principi dettati dallo statuto dei diritti dei contribuenti, puntando su trasparenza, collaborazione, tutela dell´affidamento e della buona fede, riduzione degli adempimenti e supporto ai cittadini Un Fisco "con il sorriso" che, nella rivoluzione, porterà con sé la rottamazione delle cartelle

SPESOMETRO TRIMESTRALE, INGORGO FISCALE

Per rafforzare l´impatto della lotta all´evasione, l´ormai quasi ex Governo in carica ha introdotto due nuovi adempimenti: la comunicazione analitica dei dati delle fatture emesse e ricevute e la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche dell´Iva
1 Per quanto riguarda l´invio dei dati delle fatture emesse e ricevute, bisognerà procedere in forma telematica entro l´ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre (esempio: l´invio dei dati del primo trimestre andrà effettuato entro il 31 maggio, quello del secondo entro il 16 settembre, il terzo non oltre il 30 novembre e il quarto il 28 febbraio 2018) Nel solo 2017, tuttavia, la prima comunicazione sarà semestrale, quindi con data ultima fissata al 25 luglio Non proprio un regalo in considerazione della scadenza, il 30 giugno, del pagamento della prima tranche della dichiarazione dei redditi e della scadenza del pagamento differito con maggiorazione entro il 30 del mese successivo Ingorgo fiscale in vista?
2 Negli stessi termini e con le stesse modalità, scatterà l´obbligo di comunicare i dati delle liquidazioni periodiche Iva, anche nell´ipotesi di liquidazione con eccedenza a credito A favore dei soggetti in attività nel 2017 verrà tuttavia riconosciuto un credito d´imposta pari a 100 euro a compensazione dei costi dovuti all´adeguamento tecnologico finalizzato all´effettuazione delle comunicazioni dei dati Il credito d´imposta sarà riconosciuto ai soggetti che, nell´anno precedente a quello in cui il costo è stato sostenuto, abbiano realizzato un volume d´affari non superiore a 50mila euro Ai soggetti che esercitano l´attività di commercio al minuto (o attività simili) e che, entro il 31 dicembre 2017, avranno scelto di optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri, oltre al credito d´imposta, verrà attribuito un ulteriore credito d´imposta di 50 euro

Sanzioni
sanzioni: due euro per ciascuna fattura, per un massimo di mille euro a trimestre La sanzione verrà ridotta alla metà, per un massimo di 500 euro, se la regolarizzazione avverrà entro 15 giorni dalla scadenza In caso di omessa, incompleta o infedele comunicazione dei dati delle liquidazioni, bisognerà invece sborsare da 500 a duemila euro, con riduzione alla metà, se la regolarizzazione avverrà nei 15 giorni successivi

ADEMPIMENTI SOPPRESSI
Così come Equitalia, finiscono nel cestino le comunicazioni dei dati relativi ai contratti di leasing e di locazione/noleggio, i modelli Intra degli acquisti e delle prestazioni di servizi ricevuti e la comunicazione "black list", già a partire dal periodo di imposta al 31 dicembre 2016

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA: LA NOTA POSITIVA
Via libera alla nuova disciplina relativa alla presentazione della dichiarazione integrativa: è infatti prevista la possibilità di integrare la dichiarazione dei redditi, il modello Irap e il modello 770 entro il termine previsto per l´accertamento per correggere eventuali omissioni ed errori sia a favore che a sfavore del contribuente, con annessa eliminazione del disallineamento vigente tra il termine per la presentazione della dichiarazione a favore e quello della dichiarazione a sfavore


Il credito derivante dal minor debito/maggior credito risultante dalla dichiarazione integrativa a favore può essere usato in compensazione


NOTIFICA AVVISI, ATTI E CARTELLE DI PAGAMENTO: ATTENTI ALLA PEC

La nuova legge fiscale allinea le modalità di notifica degli avvisi di accertamento a quelle già previste per le cartelle esattoriali Dal primo luglio le Agenzie potranno utilizzare la posta elettronica certificata (Pec) per accertamenti, atti catastali e atti relativi alle accise Non si tratta di un obbligo ma di una possibilità che, imporrà tuttavia alle aziende il controllo costante della posta certificata Ricordiamo che Confartigianato Varese offre già un servizio di verifica Pec

TERMINE CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA
Scivola al 31 marzo del periodo di imposta successivo a quello cui si riferiscono i redditi certificati il termine di consegna della Certificazione Unica ai percipienti da parte dei sostituti d´imposta


INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITA´

Arrivano i nuovi indici sintetici di affidabilità: dal periodo d´imposta in corso al 31 dicembre 2017, sono aboliti gli studi di settore e si procede all´introduzione degli indici sintetici di affidabilità fiscale, individuati con decreto del ministro dell´Economia e delle finanze Agli indici sono collegati livelli di premialità per i contribuenti più affidabili, anche in termini di esclusione o riduzione dei termini per gli accertamenti

LE VACANZE DEL FISCO
Sospensione, dal primo agosto al 4 settembre, dei termini per la trasmissione di documenti e informazioni richiesti a imprese e cittadini dall´Agenzia delle entrate (o da altri enti impositori), esclusi quelli relativi alle richieste effettuate nel corso delle attività di accesso, ispezione e verifica, nonché delle procedure di rimborso ai fini Iva

QUANDO VERSARE LE IMPOSTE
Niente più tax day del 16 giugno La neonata legge fiscale sposta al 30 giugno la data entro la quale effettuare il versamento a saldo dell´Irpef e dell´Irap da parte delle persone fisiche e delle società o associazioni di cui all´articolo 5 Tuir

Per i soggetti Ires, il versamento dell´imposta sul reddito e dell´Irap viene posticipato all´ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo di imposta Anche i termini di versamento Iva si allineano a quelli delle altre imposte

F24 E RIMBORSO CREDITO IVA SUPERIORE A 30MILA EURO
Niente più obbligo dell´F24 telematico per i pagamenti superiori a mille euro ed estensione, dagli attuali 15 a 30mila euro dell´ammontare dei rimborsi Iva subordinati a presentazione di garanzia da parte del beneficiario

LA PARTITA IVA INATTIVA SPARISCE
Cambiano le regole relative alla cessazione d´ufficio delle partite Iva inattive: l´Agenzia delle Entrate, infatti, procederà d´ufficio alla soppressione di quelle che risulteranno in letargo da tre anni Viene soppressa la sanzione, compresa tra 500 e duemila euro, applicata in caso di mancata presentazione della dichiarazione di cessazione dell´attività


Torna Indietro